Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2399

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2399

../2398 ../2400 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2398 2400

[p. 217 modifica] Molto meno quanto ai modi ne’ quali ell’é infinita e a disposizione degli scrittori, come appunto la nostra, e ciascuno scrittor greco ne forma de’ nuovi a suo piacere e in gran numero. Or non è cosa ridicolissima che mentre nessun’altra nazione stima che la sua lingua sia determinata e prescritta dal suo vocabolario, non ostante che questo sia molto meglio fatto, molto piú esteso, relativamente del nostro, e che la lingua loro possa piú facilmente o meglio esser compresa in un vocabolario; noi, la cui lingua è impossibile, sopra qualunque altra, che vi si possa comprendere, che di piú abbiamo un vocabolario inesattissimo nelle cose stesse che porta, molto piú inferiore alla ricchezza della nostra lingua di quello che le convenga o se le debba perdonare di essere, fatto sopra un piano sopra cui nessun altro è fatto, cioè sopra il piano dell’antico, mentre noi siamo moderni e della pura autorità quando la lingua è viva; noi, dico, vogliamo che un vocabolario cosí ridondante d’imperfezioni e poco proprio alla lingua nostra (e d’ogni lingua viva), abbia su di questa una virtú, un’autorità e un dominio, che i piú perfetti vocabolari delle altre nazioni, anche nazioni unite, come la francese e l’inglese, né si arrogano, né sognano, né pensano che