Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2591

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2591

../2590 ../2592 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

2590 2592

[p. 322 modifica] la letteratura latina, e sfruttata e indebolita, la greca sopravvive alla sua figlia ed alunna, e s’ella produce degli Aristidi, degli Erodi attici, e altri tali retori di niun conto nello stile (non barbari però, e nella lingua purissimi), ella pur s’arricchisce d’un Arriano, d’un Plutarco, d’un Luciano, ec. che, quantunque imitatori, pur sanno cosí bene scrivere e maneggiar lo stile e la lingua antica o moderna, che quasi in parte le rendono la facoltà creatrice. Aggiungi che in tal tempo la Grecia, colla sua letteratura e lingua incorrotta, era serva, e l’Italia signora colla sua letteratura e lingua imbastardita e impoverita (30 luglio 1822).


*   La storia di ciascuna lingua è la storia di quelli che la parlarono o la parlano, e la storia delle lingue è la storia della mente umana (l’histoire de [p. 323 modifica]chaque langue est l’histoire des peuples qui l’ont parlée ou qui la parlent, et l’histoire des langues est l’histoire de l’esprit humain) (31 luglio, dí di S. Ignazio Loiola, 1822).