Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2606

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2606

../2605 ../2607 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

2605 2607

[p. 331 modifica] né del discorso, ma del puro caso, essendo state fatte ne’ tempi d’ignoranza, e non sapendosene far di gran lunga delle simili colla maggior possibile scienza. E che per tanto tutta quella parte del sapere e della civiltà, tutto quel preteso perfezionamento dell’uomo e della società che dipende in qualunque modo dalle predette scoperte (la qual parte è grandissima, anzi massima), non è stato né preordinato né prevoluto dalla natura, perché quegli che non ha preordinato né prevoluto le cause e le prime indispensabili origini (le quali, come dico, sono state assolutamente accidentali), non può avere ordinato né voluto gli effetti (10 agosto, dí di S. Lorenzo, 1822).


*   Quello che ho detto del vetro, si dee dire di mille e mille altre importantissime invenzioni, che senza una benché menoma notizia e traccia ec. che però il solo caso ha potuto somministrare, non si sarebbero mai potute fare, e però son tutte casuali, per applicate, accresciute, perfezionate che sieno state in seguito, e quando anche non si possano piú riconoscere da quel che furono