Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 262

../261 ../263 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

261 263

[p. 351 modifica] E certo Lord Byron non mi rese niente piú sensibile alla mia disperazione: piuttosto mi avrebbe fatto piú insensibile e marmoreo.


*   L’uomo si disannoia per lo stesso sentimento vivo della noia universale e necessaria.


*   Bisogna ricordarsi che l’invenzione della polvere contribuí non poco all’indebolimento delle generazioni: 1°, disavvezzando dal portare armatura, (vedi Montesquieu ch. 2, in proposito del gran vigore de’ soldati romani); 2°, rendendo l’atto della guerra non piú opera della forza individuale o generale, ma quasi intieramente dell’arte; certamente rendendo l’arte molto piú arbitra della guerra che non era stata per l’addietro ec.; 3°, sopprimendo o togliendo per conseguenza la necessità di quegli esercizi che o direttamente o indirettamente, come i giuochi atletici, servivano a render gli uomini vigorosi ed atti alla guerra.


*   Lo spavento e il terrore, sebbene di un grado maggior del timore, contuttociò bene spesso sono molto meno vili, anzi talvolta non contengono nessuna viltà: e possono cadere anche negli uomini perfettamente coraggiosi, al contrario del timore. Per esempio, lo spavento che cagiona l’aspetto di una vita infelicissima o noiosissima [p. 352 modifica]e lunga, che ci aspetti ec. Lo spavento degli spiriti, cosí puerile esso e fondato in opinione cosí puerile, è stato, ed ancora è, comune ad uomini coraggiosissimi. Vedi la p. 531, e 535.