Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2684

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2684

../2683 ../2685 IncludiIntestazione 11 dicembre 2015 100% Saggi

2683 2685

[p. 376 modifica]


*   L’uomo sarebbe felice se le sue illusioni giovanili (e fanciullesche) fossero realtà. Queste sarebbero realtà, se tutti gli uomini le avessero e durassero sempre ad averle: perciocché il giovane d’immaginazione e di sentimento, entrando nel mondo, non si troverebbe ingannato della sua aspettativa, né del concetto che aveva fatto degli uomini, ma li troverebbe e sperimenterebbe quali gli aveva immaginati. Tutti gli uomini piú o meno (secondo la differenza de’ caratteri), e massime in gioventú, provano queste tali illusioni felicitanti: è la sola società e la conversazione scambievole, che civilizzando e istruendo l’uomo, e assuefacendolo a riflettere sopra se stesso, a comparare, a ragionare, disperde immancabilmente queste illusioni, come negl’individui cosí ne’ popoli, e come ne’ popoli cosí nel genere umano ridotto allo stato sociale. L’uomo isolato non le avrebbe mai perdute; ed elle son proprie del giovane in particolare, non tanto a causa del calore immaginativo, naturale a quell’età, quanto della inesperienza e del vivere isolato che fanno i giovani. Dunque, se l’uomo avesse continuato a vivere isolato, non avrebbe mai perdute le sue illusioni giovanili e tutti gli uomini le