Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2816

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2816

../2815 ../2817 IncludiIntestazione 29 novembre 2014 100% Saggi

2815 2817

[p. 10 modifica] con tutto rigore ed esattezza. Per esempio, iactare nel luogo dell’Eneide, II, 459, ed exceptare nelle Georgiche, III, 274, sopra i [p. 11 modifica]quali luoghi ho disputato altrove, non esprimono azione continuata per se stessa, giacché l’azione di lanciare e quella di ricever l’aria col respiro non sono azioni continue, ma si concepiscono come istantanee; né anche significano costume di lanciare o di ricevere; ma moltitudine continuata di queste tali azioni, cioè di lanciamenti, per cosí dire, e di ricevimenti, che senza interruzione o per lungo tempo succedono l’uno all’altro. Questa è idea continua, e bene, in questo caso, si chiameranno continuativi quei tali verbi, e non potranno per nessun modo chiamarsi altrimenti con proprietà. Malissimo poi si chiameranno frequentativi, giacché ben altro è il fare una cosa frequentemente ed altro il ripetere per un certo maggiore o minor tempo una stessa azione continuamente, quando anche quest’azione per se non sia continua e si fornisca nell'istante. Questa è continuità di fare una stessa azione, ben diversa dalla frequenza di fare una stessa azione. La qual frequenza suppone e considera degl’intervalli, maggiori,