Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3202

../3201 ../3203 IncludiIntestazione 13 dicembre 2016 100% Saggi

3201 3203

[p. 243 modifica] è da dire che anche tra individuo e individuo di una stessa o di diverse nazioni esiste dalla nascita una reale differenza d’indole e di talento, o vogliamo dire un principio e una disposizione di differenza, che ad idem redit.

3o, Lasciando da parte il tanto che si potrebbe dire sull’influsso fisico, ossia sulla naturale azione del corpo e de’ sensi, e quindi degli oggetti esteriori, sull’animo indipendentemente dall’assuefazione, ne toccheremo solamente alcune cose che piú fanno al proposito. Ho udito di uno abitualmente scempio o tardissimo d’ingegno, che, caduto di grande altezza, e percosso pericolosamente il capo, divenne, guarito che fu, d’ingegno prontissimo e furbissimo, e questi ancor vive. Ho udito d’altri molto ingegnosi, per simile accidente divenuti stupidi e sciocchi. Lasciando questo, egli è certissimo che la malattia del corpo (e cosí la sanità) influisce grandissimamente sull’ingegno e sull’indole. Tacendo delle minori influenze, che tutto giorno si osservano, si può notare quello che narra il Caluso nella Lettera appié della Vita di Alfieri, circa i versi d’Esiodo, da lui una