Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 324

../323 ../325 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

323 325

[p. 391 modifica]*   Dalle sopraddette considerazioni osserverai quanto sia giusta la maraviglia e degna la lode di quelli che dicono che in Francia da Luigi XIV in poi non si disputa piú della lingua e si scrive bene, laddove in Italia si disputa sempre della lingua e si scrive male. Prima di Luigi XIV, quando la lingua francese non era ancora geometrizzata e ridotta a una processione di collegiali, come dice Fénélon, siccome si poteva scriver meglio di adesso, cosí anche si potea scriver male.


*   Demetrio Falereo τῶν τετυφωμένων ἀνδρῶν ἔφη τὸ μὲν ὕψος μὲν περιαιρεῖν, τὸ δὲ φρόνημα καταλείπειν (Laerzio}} in Demetrio, l. 5, seg. 82): cioè, hominum fastu turgidorum aiebat circumcidi oportere altitudinem, opinionem autem de se relinquere. Cosí l’interprete benissimo. Scioccamente Merico Casaubono nella nota ad alcune parole dello stesso segm. poco addietro.

Τοὺς φίλους ἐπὶ μὲν τὰ ἀγαθὰ παρακαλουμένους ἀπιέναι, ἐπὶ δὲ τὰς συμφορὰς, αὐτομάτους (subint. δεῖν, quod est in superioribus). Detto dello stesso, appo il Laerzio l. c., segm. 83.


*   Il vino è il piú certo, e, senza paragone, il piú efficace consolatore. Dunque il vigore; dunque la natura. [p. 392 modifica]


*   A quello che ho detto poco sopra di Teofrasto,