Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3255

../3254 ../3256 IncludiIntestazione 12 aprile 2017 100% Saggi

3254 3256

[p. 275 modifica] all’istituzione d’una lingua [p. 276 modifica]universale, opuscolo stampato in Roma, e poi dal medesimo autore rifuso nell’Appendice 2a al capo 11° del libro III del Saggio filosofico di Giovanni Locke su l’umano intelletto compendiato dal Dott. Winne, tradotto e commentato da Francesco Soave C. R. S., tomo II, intitolato Saggio sulla formazione di una Lingua Universale), la qual lingua o maniera di segni non avrebbe a rappresentar le parole, ma le idee, bensí alcune delle inflessioni d’esse parole (come quelle de’ verbi), ma piuttosto come inflessioni o modificazioni delle idee che delle parole, e senza rapporto a niun suono pronunziato, né significazione e dinotazione alcuna di esso. Questa non sarebbe lingua, perché la lingua non è che la significazione delle idee fatta per mezzo delle parole. Ella sarebbe una scrittura, anzi nemmeno questo, perché la scrittura rappresenta le parole e la lingua, e dove non è lingua né parole quivi non può essere scrittura. Ella sarebbe un terzo genere, siccome i gesti non sono né lingua né scrittura, ma cosa diversa dall’una e dall’altra. Quest’algebra di linguaggio (cosí nominiamola),