Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3315

../3314 ../3316 IncludiIntestazione 28 settembre 2017 100% Saggi

3314 3316

[p. 312 modifica] per altrui; tanto meno è accessibile alla compassione, tanto piú è inclinato e tanto piú ha d’egoismo. L’abitudine dell’ozio in qualsivoglia età è sempre conciliatrice d’egoismo. Insomma, per tutte queste osservazioni, e per qualunque altra si voglia fare intorno ai vari caratteri degli uomini, apparisce, e sempre apparirà, che la natura dell’egoismo è un ghiaccio dell’animo; un freddo, un congelamento, una quasi concrezione, una durezza o un indurimento, una secchezza o un disseccamento dell’amor proprio, una povertà, una scarsezza di vita; una inattività effettiva o un’inclinazione alla medesima ec.; o naturale o avventizia che sia, o morale o fisica, o l’uno e l’altro, o portata dalla nascita e cresciuta poi e confermata coll’assuefazione, [p. 313 modifica]coll’assuefazione, colle circostanze, cogli avvenimenti della vita ec., o da queste prodotta in contrario e in dispetto dell’indole primitiva ec. (31 agosto 1823). Io credo potere asserire che generalmente gli uomini meno soggetti a passioni veementi, quelli che non amano il piacere, quelli che mai non vissero per li piaceri, mai non furono trasportati da’ piaceri e