Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3339

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3339

../3338 ../3340 IncludiIntestazione 28 settembre 2017 100% Saggi

3338 3340

[p. 326 modifica] e scrisse un’opera classica e di letteratura in lingua volgare e moderna, innalzando una lingua moderna al grado di lingua illustre, invece o almeno insieme colla latina, che fino allora da tutti e [p. 327 modifica]ancor molto dopo da non pochi, era stata e fu stimata unica capace di tal grado. E quest’opera classica non fu solo poetica, ma, come i poemi d’Omero, abbracciò espressamente tutto il sapere di quella età, in teologia, filosofia, politica, storia, mitologia ec. E riuscí classica, non rispetto solamente a quel tempo, ma a tutti i tempi e tra le primarie; né solo rispetto all’Italia ma a tutte le nazioni e letterature. Senza un tale esempio ed ardire, o s’ei fosse riuscito men fortunato e splendido, e se quell’opera pel suo soggetto fosse stata meno universale, e meno appartenente, per cosí dire, a ogni genere di letteratura e di dottrina; si può, se non altro, indubitatamente credere che sí l’Italia sí l’altre nazioni avrebbero tardato assai piú che non fecero a innalzare le lingue proprie e moderne al grado di lingue illustri, e quindi a formarsi delle letterature proprie e