Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3431

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3431

../3430 ../3432 IncludiIntestazione 14 novembre 2017 100% Saggi

3430 3432

[p. 383 modifica] quella), e per tutto ciò ch’avanza di lei. Ma d’altra parte il lasciare i cadaveri imputridire sopra terra e nelle proprie abitazioni, volendoseli conservare dappresso e presenti, è mortifero e dannoso ai privati e alla repubblica. I poeti, oltre all’avere insegnato che nella morte sopravvive una parte dell’uomo, anzi la principale e quella che costituisce la persona, e che questa parte va in luogo a’ vivi non accessibile e a lei destinato, onde vennero a persuadere che i cadaveri de’ morti non fossero i morti stessi, né il solo né il piú che di loro avanzava; oltre, dico, di questo, insegnarono che l’anime degl’insepolti erano in istato di pena, non potendo niuno, mentre i loro corpi non fossero coperti di terra, passare al luogo destinatogli nell’altro mondo. Cosí vennero a fare che il seppellire i morti o le loro ceneri, e levarseli dinanzi, fosse, com’era utile e necessario ai vivi, cosí stimato utile e dovuto ai morti, e desiderato da loro; che paresse opera d’amore verso i morti quello che per se sarebbe stato segno di disamore, e opera d’egoismo; che l’amore