Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3481

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3481

../3480 ../3482 IncludiIntestazione 2 dicembre 2017 100% Saggi

3480 3482

[p. 413 modifica] altri, e a questo fine ne parlava, ma dava bene ad intendere che tale si era infatti la sua propria opinione. Tanto poteva in un animo il piú radicato nel piú schietto e completo egoismo, intollerante d’ogni menomo incomodo, e capace di sacrificar chi e che che sia ad una sua menoma comodità; tanto poteva, dico, in un animo qual esso era infatti, e di piú totalmente inerte, solitario e segregato affatto dalla società, il desiderio di parere sí agli occhi altrui, sí ancora a’ suoi propri, capace di grandi sacrifizi, superiore all’amor proprio, il contrario di egoista, ed insomma eroe. E tanto è vero che non si trova quasi uomo cosí impudentemente e perfettamente egoista nel fatto, che non desideri grandemente di comparire almeno a se stesso, e non si persuada effettivamente, e non si compiaccia sommamente dell’opinione di essere un eroe. Perocché a tutti è grato il fare stima di se, e si può esser certi che tutti, o in un modo o nell’altro, si stimano, e grandemente, e cosí continuamente come e’ si amano, che vuol dir tuttafiata, senza intervallo alcuno,