Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3525

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3525

../3524 ../3526 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

3524 3526

[p. 5 modifica] reale de’ rispettivi individui, anzi sia loro ben diversa o contraria ec. (25 settembre 1823).


*    L’uomo tanto può fare e patire quanto egli è assuefatto di fare e di patire (o che l’assuefazione continui o che, quantunque passata, ne restino gli effetti totalmente o in parte), niente piú niente meno (26 settembre 1823).


*    Tutti hanno provato il piacere o lo proveranno, ma niuno lo prova. Tutti hanno goduto o godranno, ma niuno gode. Questo pensiero spetta a quelli sopra il non darsi piacere se non futuro o passato (26 settembre 1823).


*    Alla p. 3141, margine. Ho detto che Argante, Solimano e Clorinda sono i soli eroi degl’infedeli. Perocché d’Altamoro e degli altri dell’esercito egizio, che non vengono, si può dire, in iscena, prima dell’ultimo canto (si nominano nel XVII e nel XIX, ma nulla operano) non pare che sia da tener conto, e l’interesse per loro non ha tempo di nascere, perché troppo poco conversano coi lettori, oltre che il Tasso li fa molto piú barbari ancora e salvatichi, disumani ed odiosi di Argante e di Solimano, e piú empi, dispregiatori degli uomini e degli Dei e d’ogni religione ec. Eroi cristiani che soprassalgono non v’ha nella Gerusalemme, oltre Goffredo, che Raimondo, Tancredi e Rinaldo. Ma questi sono ottimamente variati tra loro, e gli ultimi due squisitamente nuancés a rispetto l’uno dell’altro. E la superiorità di Goffredo e di Rinaldo è ben decisa e tale che i lettori non possono né dubitarne ciascuno fra se, né contrastarne fra loro, né ricusare al poeta di confessarla, e con tutto questo ella non si nuoce scambievolmente, né fa torto neppure a Tancredi o a Raimondo ec. In tutta questa [p. 6 modifica]parte l’equilibrio, l’armonia, la