Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3564

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3564

../3563 ../3565 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

3563 3565

[p. 31 modifica] incontrovertibilmente segnati, tirati, descritti. Onde il linguaggio perfettamente proprio e particolare della prosa, e il perfettamente proprio e particolare della poesia, sono dovuti venire in essere a un medesimo tempo, e non prima l’uno che l’altro (o non prima esser perfetto ec. ec. l’uno che l’altro, e crescer del pari quanto alla loro prosaicità e poeticità); perché ciascun de’ due è rispettivo all’altro ec. ec. (30 settembre 1823).


*    Alla p. 2911, margine. La lingua ebraica è poetica ancor nella prosa, per quella sua estrema povertà, della quale altrove ho ragionato, mostrando come in ciascuna sua parola cento significati si debbano accozzare e si accozzino, conforme accadde a principio in ciascheduna lingua, finché col variare o per inflessione, o per derivazione, o per composizione, o con altra modificazione le poche radici a seconda de’ loro vari significati, si venne d’una sola parola a farne moltissime, e di poche infinite; per modo che ciascun significato de’ tanti che dapprima erano riuniti in un solo vocabolo, non per esser trasportato ad altra [p. 32 modifica]parola, ma come per suddivisione o emanazione o altra varia modificazione di