Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3592

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3592

../3591 ../3593 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

3591 3593

[p. 49 modifica]

Questa duplicità d’interesse, benché paia non ripugnare all’unità (e cosí credette il Tasso, il quale si persuase poter con essa servire alla varietà e schivare l’uniformità, senza punto violar l’unità), o benché paia, se non altro, ripugnare alla perfetta unità, molto meno che non faccia la duplicità d’interesse nell’Iliade, nuoce però molto piú di questa al fine per cui l’unità si prescrive. Il qual fine si è che l’interesse nell’animo de’ lettori non s’indebolisca col dividersi né col distrarsi, e sia piú forte come rivolto a un segno solo. Ora, come ho mostrato, la duplicità d’Eroe nella Gerusalemme indebolisce l’interesse nell’animo de’ lettori, molto piú che non faccia nell’Iliade. E ciò appunto perché quella duplicità concorre in una medesima parte, ed è rivolta a un segno medesimo, e perché i due interessi son troppo vicini e del tutto concordi, e sono due, senza esser diversi. Nella Iliade dove essi sono tutto l’opposto, essi non solo s’indeboliscono meno, ma non s’indeboliscono punto, o certo l’interesse totale risultante dal poema nell’animo de’ lettori non pur non è indebolito dalla duplicità, ma a molti doppi