Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3665

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3665

../3664 ../3666 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

3664 3666

[p. 95 modifica] trovano esser comuni a tutti o quasi tutti i popoli, ancorché incólti, remotissimi, disgiuntissimi ec. (giacché dell’altre che son facili, e poco contrariate dalla natura ec. non è necessario il suppor lo stesso, non è maraviglia se ciascun popolo, ancorché rozzo, poté trovarle, se il caso che le mostrò, essendo facile e proclive ad accadere, ebbe luogo molte volte e in molti luoghi ec. piú presto qua, e là piú tardi, ma pur dappertutto, in tanto spazio di tempo quanto è ch’esistono quei popoli; e niuno argomento se ne può trarre a provare ch’elle sieno naturali, per la moltiplicità delle loro origini: perocché de’ popoli bastantemente corrotti era ben naturale che tutti, presto o tardi, le trovassero ugualmente: oltre che tali scoperte ec. facili e proclivi non sono mai causa di gran corruzione, né molta ne richieggono, né molto si oppongono alla natura, né molto contribuirono a snaturare la nostra vita e la nostra specie).

Tant’è. Popolo umano totalmente naturale e incorrotto, non esiste. Tutti i popoli, tutti gl’individui umani sono corrotti e alterati, perché