Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3720

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3720

../3719 ../3721 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

3719 3721

[p. 130 modifica] Del resto è da vedere la p. 3388-9 (17 ottobre 1823).


*    Alla p. 3546. I detti effetti accadono in un gran letterato, in un gran filosofo, in un gran poeta, in un gran professore di qualsivoglia o letteratura o arte o scienza o abilità ec. verso quelli che si arrogano quella medesima arte, e la professano ec. Severissimi, disprezzatissimi, intollerantissimi a principio, non per superbia (anzi questi tali sono sempre modestissimi) ma per non trovar niuno che non sia indegnissimo di stima per se, o che meriti piú che pochissimo nella sua professione: e disprezzanti nel cuor loro, piuttosto ch’esternamente; a poco a poco persuadendosi che insomma non v’è di meglio di coloro ch’ei disprezzava, dalla mancanza de’ veramente stimabili piglia argomento e in ultimo abitudine di tollerare il niun merito, e di stimare e lodare il piccolissimo, e di celebrare e fino ammirare il mediocre (non per se ma per la sua rarità, finalmente conosciuta, e conosciuta per universale) e insomma di contentarsi del poco e pochissimo, e di dare alle cose non il