Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4296

../4295 ../4297 IncludiIntestazione 4 novembre 2019 100% Saggi

4295 4297

[p. 242 modifica] ne’ cui pensieri, nelle parole, [p. 243 modifica]nei modi, è impossibile che non si trovi tanta novità che basti per fermar l’attenzione di chi conversa seco le prime volte. Ogni uomo poi di qualche coltura ha un sufficiente numero di cognizioni per somministrar lauta materia ad uno o due entretiens; ha i suoi discorsi, le sue materie favorite, nelle quali, se non altro per la lunga assuefazione ed esercizio, è atto a figurare, ed anche brillare; ha qualche suo motto, qualche tratto di spirito, qualche osservazione piccante o notabile ec., familiari e consueti. Per poca di abilità che egli abbia nel conversare, per poca di perizia di società, di arte della parola, facilissimamente egli tira e fa cadere il discorso, ne’ suoi primi abboccamenti, sopra quelle materie dove consiste il suo forte, dov’egli ha qualche bella o buona o passabile cosa da dire; e facilissimamente trova modo di metter fuori e di déployer tutta la ricchezza della sua erudizione e della sua dottrina, di qualunque genere ella sia. Ad un letterato, di professione massimamente, è difficile che manchi l’arte necessaria per questo effetto. Quindi è che chi lo sente parlare per la prima volta, resta sorpreso dell’abbondanza delle sue cognizioni, de’ suoi motti, delle sue osservazioni; lo piglia per un’arca di scienza e di erudizione, un mostro di spirito, un ingegno vivacissimo, un pensatore consumato, un intelletto, uno spirito originale. Ciò è ben naturale, perché si crede che quel che egli mette fuori sia solamente una mostra, un saggio di se e del suo sapere; non sia già il tutto. Cosí è avvenuto a me piú volte: trovandomi con persone nuove, specialmente con letterati, sono rimasto spaventato del gran numero degli aneddoti, delle novelle, delle cognizioni d’ogni sorta, delle osservazioni, dei tratti, ch’esse mettevano fuori. Paragonandomi a loro, io m’avviliva nel mio animo, mi pareva impossibile di arrivarli, mi credeva un nulla appetto a loro. Ciò avveniva non già perché la somma del mio sapere e del mio spirito non mi