Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/577

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 577

../576 ../578 IncludiIntestazione 10 novembre 2012 100% Da definire

576 578


[p. 71 modifica] del governo monarchico in particolare. È un’istituzione arbitraria, ascitizia, derivante dagli uomini e non dalle cose; e quindi necessariamente dev’essere instabile, mutabile, incerta e nella sua forma e nella durata e negli effetti che ne [p. 72 modifica]dovrebbero emergere perch’ella corrispondesse al suo scopo, cioè alla felicità della nazione.

1°, Tutto quello che non ha il suo fondamento nella natura della cosa ha un’esistenza sostanzialmente precaria. La cosa può restare e la modificazione perire, alterarsi, dimenticarsi, abbandonarsi, diversificarsi in mille guise, non ottenere il suo scopo, restare quanto al nome e all’apparenza, non quanto al fatto. Insomma, le convengono tutte quelle proprietà, che nelle scuole si attribuiscono all’accidente e che lo definiscono. Di piú, ancorché resti, e resti in tutta la sua relativa perfezione o integrità, difficilmente può giovare e valere e tornare in bene, non avendo la sua propria ragione nell’essenza e natura della cosa.

2°, La ragione e l’essenza della monarchia consiste in questo, che alla società è necessaria