Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/613

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 613

../612 ../614 IncludiIntestazione 11 novembre 2012 100% Da definire

612 614


[p. 92 modifica] distintivi dell’uomo grande, o certo sono qualità inseparabili da lui. Perché, quanto piú si possiede e si conosce a fondo una qualunque, ancorché piccola, professione, tanto piú se ne sentono e valutano le difficoltà; si conosce quanto la perfezione e la sommità sia difficile in essa: perché le difficoltà della perfezione si sanno e si conoscono generalmente in ogni cosa, ma non si sentono cosí vivamente e precisamente, come in una professione intimamente posseduta: tanto piú si comprende e vede e tocca con mano, quanto sia facile l’andar sempre piú oltre e il perfezionare anche ciò che si crede perfetto. Insomma, quanto piú l’uomo apprezza e stima una buona professione: e l’apprezza e stima quanto meglio la conosce, tanto meno apprezza se stesso. Perché, mettendosi in confronto non già cogli altri cultori di quella professione (i quali forse gli cederanno), ma colla professione stessa, resta sempre malcontento del paragone, si trova lontano dall’uguaglianza, e riabbassa sempre piú l’idea di se stesso (5 feb. 1821).