Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/922

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 922

../921 ../923 IncludiIntestazione 22 dicembre 2012 100% Saggi

921 923


[p. 268 modifica] legato, o certo poco legato, coll’avanzamento individuale e di quello stesso che avesse procurato l’avanzamento della patria; di piú non partecipando se non pochissimi al governo e quindi la moltitudine non sentendo intimamente di far parte della patria e d’esser compatriota de’ suoi capi; l’amor patrio in questo tal popolo o non deve formalmente e sensibilmente esistere, o certo non dev’esser molto forte, né cagione di grandi effetti, né capace di spingere l’individuo a grandi sacrifizi. Il fatto dimostra queste mie osservazioni. Perché una conseguenza immancabile di questa costituzione dev’essere, secondo il mio discorso, che un tal popolo, ancorché libero e, quanto all’interno, durevole nella sua libertà e nel suo stato pubblico, tuttavia non possa essere conquistatore. Ora ecco appunto che Arriano ci dice, come gl’indiani non solo non furono mai conquistatori, ma per una parte, da Bacco e da Ercole in poi, era opinione οὐδένα ἐμβαλεῖν ἐς γῆν τῶν Ἰνδῶν ἐπὶ πολέμῳ fino ad Alessandro (loc. cit. cap. IX, sect. 10, p. 569); ed ecco la cagione per cui anche senza troppa forza nazionale ed interna il loro stato poté durare lungamente; per l’altra parte era pure opinione (sect. 12, p. cit.) οὐ μὲν δὴ οὐδὲ Ἰνδῶν τινα ἒξω τῆς οἰκείης σταλῆναι ἐπὶ πολέμῳ, διὰ δικαιότητα (ad bellum missum