Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/923

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 923

../922 ../924 IncludiIntestazione 26 dicembre 2012 100% Saggi

922 924


[p. 268 modifica] esse. interpres). E altrove piú brevemente: (cap. V, sect. 4, [p. 269 modifica]p. 558): Οὔτος ὦν ὁ Μεγασθένης λέγει, οὔτε Ἰνδοὺς ἐπιστρατεῦσαι οὐδαμοῖσιν ἀνθρώποισιν, οὔτε Ἰνδοῖσιν ἄλλους ἀνθρώπους. Cioè fino ad Alessandro. Conseguenza naturale della detta costituzione, sebbene Arriano lo riferisce staccatamente e come indipendente, e non vede la relazione che hanno queste cose tra loro. Vedi p. 943, capoverso 2.

Il fatto sta che, siccome nessuna nazione è cosí atta alla qualità di conquistatrice, come una nazione libera, il che apparisce dal fatto e da quello che ho ragionato nel pensiero antecedente ec; cosí anche è pur troppo vero che il maggior pericolo della libertà di un popolo nasce dalle sue conquiste e da’ suoi qualunque ingrandimenti, che distruggono [a poco] l’uguaglianza, senza cui non c’é vera libertà e cangiano i costumi, lo stato primitivo, l’ordine della repubblica; sicché finalmente la precipitano nella obbedienza. Cosa anche questa dimostrata dal fatto (4-6 aprile 1821).


*    Siccome l’amor patrio o nazionale non è altro che una illusione, ma facilmente derivante dalla natura, posta la società, com’é naturale l’amor proprio nell’individuo, e posta la famiglia, l’amor di famiglia, che si vede anche ne’ bruti; cosí esso non si mantiene e non produce buon frutto senza le illusioni e i pregiudizi che naturalmente ne derivano o che anche ne sono il fondamento. L’uomo non è sempre ragionevole, ma sempre conseguente in un modo o nell’altro. Come dunque amerà