Pensieri e discorsi/Il fanciullino/XIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../XII

../XIV IncludiIntestazione 17 luglio 2012 100% Da definire

Il fanciullino - XII Il fanciullino - XIV
[p. 37 modifica]

XIII.


La poesia benefica di per sè, la poesia che di per sè ci fa meglio amare la patria, la famiglia, l’umanità, è, dunque, la poesia pura, la quale di rado si trova. In Italia poi, che è la mia patria (non la tua, o fanciullo: tu sei del mondo, non sei d’ora ma di sempre), in Italia è più rara che altrove. Invero non mai da noi fu amata la poesia elementare e spontanea. Come in genere la nostra letteratura, così in ispecie la [p. 38 modifica]nostra poesia ha avuto innanzi sè dei modelli. Noi abbiamo specchiato il nostro stile nell’arte latina, come i latini avevano fatto coi greci. Ciò può aver giovato a dare concretezza e maestà alle nostre scritture; ma quanto a poesia, ciò l’ha soffocata; la poesia non si fa sui libri. Poi amiamo troppo l’ornamentazione; e questo gusto lo dimostriamo specialmente in ciò che meno lo comporta: nella poesia. Il fanciullino italico non ruzza che ben vestito e ben pettinato: le noci con le quali fa a filetto, devono essere coperte di carta d’oro e d’argento. Noi vogliamo farci sempre onore: invece di badare al giuoco, badiamo a noi: ci stiamo a sentire e ammicchiamo alla nostra ombra. E anche più che a noi, badiamo al pubblico: guardiamo con la coda dell’occhio i grandi che stanno a vederci; e così facciamo tutto senza garbo e senza scioltezza. E siccome, particolarmente ai nostri giorni, tutto da noi si fa a concorso e tutto si dà all’asta e tutto si conclude con la aggiudicazione e la premiazione, così ci proponiamo, più che altro, di sopraffare l’un l’altro e di conquistarci con qualche grazietta il favore dei giudici. Nei giochi dei nostri fanciulli, c’entra per molta parte la gherminella che è cosa da attempati. Sono troppo scaltriti, i nostri fanciulli, e cercano meglio di essere primi, che di esser loro. Perciò la nostra poesia (per chiamarla così) è per lo più d’imitazione, anzi di collezione, e sa di lucerna, non di guazza e d’erba fresca. Noi studiamo troppo, per poetare; ed è superfluo aggiungere che, per sapere, studiamo troppo poco. Mettiamo lo studio ove non c’entra.

O come? Non c’entra nel poetare lo studio? Sì, ma diretto al fine, che Dante mostrò. Virgilio che è [p. 39 modifica]lo studio, conduce Dante a Matelda che è l’arte; l’arte in genere e in ispecie. L’arte di Dante è appunto la poesia. Dunque lo studio condusse Dante alla poesia. Ebbene, Matelda, o la poesia, è nel giardino dell’innocenza, sceglie cantando fior da fiore, ha gli occhi luminosi, purifica nei fiumi dell’oblio e della buona volontà. Ossia, il poeta, mercè lo studio, è riuscito a ritrovare la sua fanciullezza, e puro come è, vede bene e sceglie senza alcuna fatica, sceglie cantando, i fiori che pare spuntino avanti i suoi piedi. Io, senza insistere sul valore morale del mito tanto esatto e bello, dico, interpretando il poeta per il rispetto artistico, che lo studio deve essere diretto a togliere più che ad aggiungere: a togliere la tanta ruggine che il tempo ha depositata sulla nostra anima, in modo che torniamo a specchiarci nella limpidezza di prima; ed essere soli tra noi e noi. Lo studio deve togliere le scorie al puro cristallo che noi troviamo quasi casualmente; e quel cristallo pur con le scorie val più d’un vetro che noi dilatiamo e formiamo soffiando. Lo studio deve rifarci ingenui, insomma, tal quale Dante figura sè come avanti Beatrice così rispetto a Matelda; che se dall’una è sgridato e fatto piangere e vergognare come fanciullo battuto, dall’altra è, come bambino che non vuole o non può fare da sè, preso e tuffato nell’acqua e menato a bere alla fonte. Lo studio deve togliere gli artifizi, e renderci la natura. Così dice Dante. La sua arte è impersonata in Matelda, che è la natura umana primordialmente libera, felice, innocente.