Piccolo mondo moderno/Capitolo sesto. Vena di fonte alta/V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo sesto
Vena di fonte alta
V

../IV ../VI IncludiIntestazione 1 agosto 2011 100% Da definire

Capitolo sesto. Vena di fonte alta - IV Capitolo sesto. Vena di fonte alta - VI

[p. 389 modifica]

V.


Quella sera gli ospiti dell’Hôtel Astore si ritirarono di buon’ora. Carlino era molto seccato della scomparsa di sua sorella con Piero dal Covile del Cinghiale, era seccato che fosse andata fino a Rio Freddo con la nebbia, senza mantello, senza uno scialle; era seccato che non avesse preso con lui, all’ora solita, il Kephir, il portentoso farmaco orientale che di lui doveva fare un Ercole e di lei una Giunone; era seccatissimo che Bassanelli avesse osato alludere con lui alle imprudenze di sua sorella. Bassanelli, venuto con la certezza di trovare Jeanne e di non trovare Maironi, era nero. Jeanne, dopo ritornata all’albergo, non aveva più potuto star sola con Piero se non un momento prima del pranzo. Allora gli aveva detto in fretta, con un’appassionata stretta di mano, quasi furtiva: “Non [p. 390 modifica]partirà, vero, domani?„. E a lui era mancato il tempo di rispondere, o forse, nel tumulto dell’animo, gli era mancata la parola. Dopo pranzo, nel salottino dove i Dessalle tenevano conversazione e offrivano il thè ogni sera, si era conversato poco e non piacevolmente. Bassanelli aveva condotto il discorso all’elezione di Brescia, andata bene per il Governo grazie all’attività del candidato ministeriale, non d’altri. Si capì che voleva alludere a Maironi e questi cominciò a bollire. Certe nebulose frasi dello stesso Bassanelli, venute poi, gli parvero accennare a un altro aiuto invocato inutilmente da quel poveruomo del marchese, cui era pur lecito aver debolezze che tanti hanno. Allora egli scattò, eccitò Bassanelli a parlar franco, gli negò il diritto di giudicare atti privati di cui non conosceva le ragioni. Bassanelli lo rimbeccò aspramente: chi gli aveva detto di prendere quelle parole per sè? Carlino, vedendo sua sorella fremere, tenersi a stento dal pigliar con impeto le parti di Maironi, troncò il discorso:

“Basta„ diss’egli “adesso si prende il thè.„

Mentre si prese il thè non furono scambiate che poche parole gelide. Poi tutti si ritirarono.