Poema paradisiaco/Hortus Larvarum/Hortus Larvarum

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Hortus Larvarum

Hortus Larvarum

Poema paradisiaco/Hortus conclusus ../Climene IncludiIntestazione 25 aprile 2010 75% Da definire

Hortus conclusus Hortus Larvarum - Climene


Il bel giardino in tempi assai lontani
occultamente pare lontanare.
Le fonti, chiare di chiaror d’opale,
fan ne la calma suoni dolci e strani.
5Nei roseti le rose estenuate
cadono, quasi non odoran più.
L’Anima langue. I nostri sogni vani
chiamano i tempi che non sono più.
 
O danze, arie di tempi assai lontani,
10voi che in qualche dimora secolare
facean su ’l virginale risonare
dolentemente così bianche mani:
mani di donna avida ancor d’amare,
non più giovine, non amata più:
15e voi movete questi sogni vani,
arie di tempi che non sono più!
 
O profumi di tempi assai lontani,
voi che nel fondo de le vuote fiale
lasciaste la dolcezza essenziale
20così che par che un spirito n’emani
(forse ne le segrete anime tale
un sol ricordo non vanisce più):
e voi guidate i nostri sogni vani,
profumi, ai tempi che non sono più!
 
25O figure di tempi assai lontani,
voi che il tessuto pallido animate,
ninfe su fiumi, cacciatrici armate
dietro bei cervi in bei boschi pagani
(Delia, taluno a notte alta, d’estate,
30te rimirando non dormiva più):
e voi ridete in questi sogni vani
come nei tempi che non sono più!
 
E tu vissuta in tempi assai lontani,
donna, come le tue danze obliate,
35come i profumi tuoi ne le tue fiale,
donna che avevi così bianche mani,
tu che moristi avida ancor d’amare,
non più giovane, non amata più,
oggi tu passa in questi sogni vani,
40morta dei tempi che non sono più!