Poema paradisiaco/Hortus conclusus/Il giogo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Hortus Conclusus

Il giogo

../La passeggiata ../La sera IncludiIntestazione 25 aprile 2010 75% Da definire

Hortus conclusus - La passeggiata Hortus conclusus - La sera


Quella sua chioma, volgente
su da la fronte regale
cui cingeva l’immortale
Tristezza divinamente,
 
5mi ricordava il tesoro
de le foreste profonde
ove l’Autunno profonde
tra porpore cupe l’oro.
 
E gli occhi, remoti in cavi
10cerchi d’ombra e di mistero,
cui tanto il sogno e il pensiero
facean le palpebre gravi,
 
non aveano un’infinita
15calma di tarde acque stigie?
Entro io vi scorgea l’effigie
de la morte, ne la vita.
 
E le labbra mai concesse
(la vita dà tali frutti!)
ov’erano insieme tutti
20i rifiuti e le promesse,
 
da l’invincibile orgoglio
con suggel rigido chiuse
tacevano, ma ben use
a l’alta parola VOGLIO.
 
25Ampia era la stanza. Aveva
qualche alito veemente
la sera; che di repente
i cortinaggi scoteva
 
con uno strano susurro.
30Si sfogliavan su ’l balcone
le rose, ma le corone
de gli astri ardean ne l’azzurro
 
con un fulgore che parve
insolito a gli occhi miei.
35Tutto, allora, a gli occhi miei
insolito e grande parve;
 
e le voci de la sera
vennero tutte a la mia
anima. Io dissi: - Maria! -
40Dissi. E quel nome non era
 
che un soffio, ma in sé portava
una immensità di cose
sovrane. E mentre le rose
morivano e palpitava
 
45il cielo ed ella era muta,
io sentii pormi il suo giogo.
Ogni scienza del luogo
e del tempo fu perduta.
 
E nulla più, veramente,
50a me parve ch’esistesse.
E quelle voci sommesse
tacquero. Ne la mia mente
 
non balenò che un pensiero
su l’anima sbigottita.
55Da quell’attimo la vita
non ebbe che un sol mistero.
 
Ella così pose il giogo
a l’artefice superbo.
Ed ella non disse verbo.
60Splendeva come in un rogo.