Poemi conviviali/L'ultimo viaggio/XI La nave in secco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ultimo viaggio

La nave in secco

../X La conchiglia ../XII Il timone IncludiIntestazione 28 agosto 2011 100% Poesie

L'ultimo viaggio - X La conchiglia L'ultimo viaggio - XII Il timone


[p. 68 modifica]

XI


la nave in secco


     E il vecchio Aedo e il vecchio Eroe movendo
seguian la spiaggia del sonante mare,
molto pensando, e là, sul curvo lido,
piccola e nera, apparve lor la nave.
5Vedean la poppa, e n’era lunga l’ombra
sopra la sabbia; nè molt’alto il sole.
E sopra lei bianchi tra mare e cielo
galleggiavano striduli gabbiani.
E vide l’occhio dell’Eroe che fresca
10era la pece: e vide che le pietre
giaceano in parte, chè placato il vento
già non faceva più brandir la nave;
e vide in giro dagli scalmi acuti
pender gli stroppi di bovino cuoio;
15e vide dal righino alto di poppa
sporger le pale di ben fatti remi.
Gli rise il cuore, poi che pronta al corso
era la nave; e le moveva intorno,
come al carro di guerra agile auriga

[p. 69 modifica]

prima di addurre i due cavalli al giogo.
E venuto alla prua rossa di minio,
sopra la sabbia vide assisi in cerchio
i suoi compagni, tutti volti al mare
tacitamente; e si godeano il sole,
e la primaverile brezza arguta
s’udian fischiare nelle bianche barbe.
     Sedean come per uso i longiremi
vecchi compagni d’Odisseo sul lido,
e da dieci anni lo attendean sul mare
col tempo bello e con la nuova aurora.
E veduta la rondine, le donne
recavano alla nave alte sul capo
l’anfore piene di fiammante vino
e pieni d’orzo triturato gli otri.
E prima che la nuova alba spargesse
le rose in cielo, essi veniano al mare,
i longiremi d’Odisseo compagni,
reggendo sopra il forte omero i remi,
ognuno il suo. Poi su la rena assisi
stavano, sotto la purpurea prora,
con gli occhi rossi a numerar l'ondate,
ad ascoltarsi il vento nelle barbe,
ad ascoltare striduli gabbiani,
cantare in mare marinai lontani.
Poi quando il sole si tuffava e quando
sopra venia l’oscurità, ciascuno
prendeva il remo, ed alle sparse case
tornavan muti per le strade ombrate.