Poemi conviviali/L'ultimo viaggio/XXII In cammino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ultimo viaggio

In cammino

../XXI Le sirene ../XXIII Il vero IncludiIntestazione 28 agosto 2011 100% Poesie

L'ultimo viaggio - XXI Le sirene L'ultimo viaggio - XXIII Il vero


[p. 89 modifica]

XXII


in cammino


     Ed ecco giunse all’isola dei loti.
E sedean sulla riva uomini e donne,
sazi di loto, in dolce oblìo composti.
E sorsero, ai canuti remiganti
offrendo pii la floreal vivanda.
O così vecchi erranti per il mare,
mangiate il miele dell’oblìo ch’è tempo!
Passò la nave, e lento per il cielo
il sonnolento lor grido vanì.
     E quindi venne all’isola dei sassi.
E su le rupi stavano i giganti,
come in vedetta, e su la nave urlando
piovean pietre da carico con alto
fracasso. A stento si salvò la nave.
     E quindi giunse all’isola dei morti.
E giacean lungo il fiume uomini e donne,
sazi di vita, sotto i salci e i pioppi.
Volsero il capo; e videro quei vecchi;
e alcuno il figlio ravvisò fra loro,
più di lui vecchio, e per pietà di loro
gemean: Venite a riposare: è tempo!
Passò la nave, ed esile sul mare
il loro morto mormorio vanì.
     E di lì venne all’isola del sole.
E pascean per i prati le giovenche
candide e nere, con le dee custodi.
Essi udiano mugliare nella luce
dorata. A stento lontanò la nave.
     E di lì giunse all’isola del vento.

[p. 90 modifica]

E sopra il muro d’infrangibil bronzo
vide i sei figli e le sei figlie a guardia.
E videro la nave essi, e nel bianco
suo timoniere, parso in prima un cigno
o una cicogna, uno Odisseo conobbe,
che così vecchio anco sfidava i venti;
e con un solo sibilo sul vecchio
scesero insieme di sul liscio masso.
     Ed ora l’ira li portò, dei venti,
per giorni e notti, e li sospinse verso
le rupi erranti, ma così veloce,
che a mezzo un cozzo delle rupi dure
come uno strale scivolò la nave.
     E allora l’aspra raffica discorde
portava lei contro Cariddi e Scilla.
E già l’Eroe sentì Scilla abbaiare,
come inquïeto cucciolo alla luna,
sentì Cariddi brontolar bollendo,
come il lebete ad una molta fiamma;
e le dodici branche avventò Scilla,
ed assorbì la salsa acqua Cariddi:
invano. Era passata oltre la nave.
     E tornarono i venti alla lor casa
cinta di bronzo, mormorando cupi
tra loro, in rissa. E venne un’alta calma
senza il più lieve soffio, e sopra il mare
un dio forse era, che addormentò l’onde.