Poesie (Campanella, 1915)/Scelta di alcune poesie di Settimontano Squilla/64. A' consimili

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
64. A' consimili

../63. Ad amici, uficiali e baroni, che, per troppo sapere, o di poco governo o di fellonia l'inculpavano ../65. Orazione a Dio IncludiIntestazione 8 luglio 2020 75% Da definire

Scelta di alcune poesie di Settimontano Squilla - 63. Ad amici, uficiali e baroni, che, per troppo sapere, o di poco governo o di fellonia l'inculpavano Scelta di alcune poesie di Settimontano Squilla - 65. Orazione a Dio
[p. 108 modifica]

64

A consimili

Ben seimila anni in tutto ’l mondo io vissi 1:
fede ne fan l’istorie delle genti,
ch’io manifesto agli uomini presenti
co’ libri filosofici, ch’io scrissi.

[p. 109 modifica]

E tu, marmeggio 2, visto ch’io mi ecclissi,
ch’io non sapessi vivere argomenti,
o ch’io fossi empio; e perché il sol non tenti,
se del fato non puoi gli immensi abissi?
Se a’ lupi i savi, che ’l mondo riprende,
fosser d’accordo, e’ tutto bestia fôra 3;
ma perché, uccisi, s’empi eran, gli onora?
Se ’l quaglio si disfa, gran massa apprende;
e ’l fuoco piú soffiato, piú s’accende,
poi vola in alto, e di stelle s’infiora.

Mirabile risposta a’ predetti argomenti, con ragioni vive contra i reprensori.

1. Quanta istoria un uomo sa, tanti anni ha, secondo che l’autore espose.

2. Marmeggi sono i vermi nati dentro il cacio, che si pensano non ci esser altra vita né paese che ’l lor cacio.

3. Mostra che la morte di savi è la felicitá del mondo, overo sanitá, e che, morti, sono venerati da chi gli riprende.

La metafora del quaglio e del fuoco soffiato sono notabili a chiarire il fine de’ travagli de’ savi, ordinato dal fato divino.