Poesie (Eminescu)/XLVI. O mamma

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVI. O mamma

../XLV. Distacco ../XLVII. Un sol desiderio mi resta IncludiIntestazione 27 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
XLVI. O mamma
XLV. Distacco XLVII. Un sol desiderio mi resta
[p. 63 modifica]

XLVI.

O MAMMA....


O mamma, dolce mamma, dalla nebbia del tempo andato,
collo stormir delle foglie tu par che a te mi chiami;
e sulla nera cripta del tuo sepolcro santo
versan fiori le acacie battute dal vento d’autunno,
5i rami s’urtan lievi, la voce tua susurra....
Sempre essi s’urteranno, tu sempre dormirai.

Quand’io morrò, non piangermi, amore, al capezzale,
ma un rametto tu strappa al santo e dolce tiglio,
sul mio capo con molta cura sotterra mettilo,
10e su di esso cadano degli occhi tuoi le stille;
sentirò a un tratto il mio sepolcro all’ombra....
L’ombra crescerà sempre, io sempre dormirò.

E, se insieme avverrà che noi morissimo,
ci portino fra tristi mura di cimitero;
15la tomba ce la scavino in riva a un ruscello,
ci mettan l’una e l’altro nello stesso feretro,
accanto mi sarai allora in eterno,... sul seno....
L’ombra crescerà sempre, io sempre dormirò.