Poesie (Giacomo da Lentini)/Rime/Madonna, dir vo voglio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime
I
Madonna, dir vo voglio

../../ ../../Rime/Meravigliosa-mente IncludiIntestazione 12 settembre 2008 75% poesie

Giacomo da Lentini - Poesie (XIII secolo)
Rime
I
Madonna, dir vo voglio
Poesie (Giacomo da Lentini) Rime - Meravigliosa-mente

 
     Madonna, dir vo voglio
como l’amor m’à priso,
inver’ lo grande orgoglio
che voi bella mostrate, e no m’aita.
5Oi lasso, lo meo core,
che ’n tante pene è miso
che vive quando more
per bene amare, e teneselo a vita.
Dunque mor’e viv’eo?
10No, ma lo core meo
more più spesso e forte
che no faria di morte – naturale,
per voi, donna, cui ama,
più che se stesso brama,
15e voi pur lo sdegnate:
amor, vostra mistate – vidi male.

     Lo meo ’namoramento
non pò parire in detto,
ma sì com’eo lo sento
20cor no lo penseria né diria lingua;
e zo ch’eo dico è nente
inver’ ch’eo son distretto
tanto coralemente:
foc’aio al cor non credo mai si stingua;
25anzi si pur alluma:
perché non mi consuma?
La salamandra audivi
che ’nfra lo foco vivi – stando sana;
eo sì fo per long’uso,
30vivo ’n foc’amoroso
e non saccio ch’eo dica:
lo meo lavoro spica – e non ingrana.

     Madonna, sì m’avene
ch’eo non posso avenire
35com’eo dicesse bene
la propia cosa ch’eo sento d’amore;
sì com’omo in prudito
lo cor mi fa sentire,
che già mai no ’nd’è quito
40mentre non pò toccar lo suo sentore.
Lo non-poter mi turba,
com’on che pinge e sturba,
e pure li dispiace
lo pingere che face, – e sé riprende,
45che non fa per natura
la propïa pintura;
e non è da blasmare
omo che cade in mare – a che s’aprende.

     Lo vostr’amor che m’ave
50in mare tempestoso,
è sì como la nave
c’a la fortuna getta ogni pesanti,
e campan per lo getto
di loco periglioso;
55similemente eo getto
a voi, bella, li mei sospiri e pianti.
Che s’eo no li gittasse
parria che soffondasse,
e bene soffondara,
60lo cor tanto gravara – in suo disio;
che tanto frange a terra
tempesta, che s’aterra,
ed eo così rinfrango,
quando sospiro e piango – posar crio.

65 Assai mi son mostrato
a voi, donna spietata,
com’eo so’ innamorato,
ma crëio ch’e’ dispiaceria voi pinto.
Poi c’a me solo, lasso,
70cotal ventura è data,
perché no mi ’nde lasso?
Non posso, di tal guisa Amor m’à vinto.
Vorria c’or avenisse
che lo meo core ’scisse
75come ’ncarnato tutto,
e non facesse motto – a vo’, isdegnosa;
c’Amore a tal l’adusse
ca, se vipera i fusse,
natura perderia:
80a tal lo vederia, – fora pietosa.