Poesie scelte in dialetto potentino/XVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVI. Il Concilio Ecumenico

../XV ../XVII IncludiIntestazione 10 aprile 2020 100% Da definire

XV XVII
[p. 35 modifica]

XVI.


Il Concilio Ecumenico.1


Senti, Pio Nono mio, te parlo chiare,
     Cu ssu Cuncilio muove nu terrore:
     Tu sai ca mo lu monn’è struvegliare.
     Che serve chiù de fà tanta rumore?

[p. 36 modifica]


Mo manco puoi fa chiù lu puteàre:
     Se vennene l’indulgenzie a vapore;
     Natu Don nfallibile era merciare,
     Falleze, e lu chiamarene mpallatore.

Ne dimme: è vecchio Dio, o chiù nun vere?
     Che ha datte tutte a ti li furnesure,
     O nun pensaze a temp’a farsi crere?

Si tu accummenz’addò Cristo ha fernure,
     Dunca pure falleze? e mo hamme da crere
     Ca si infallibile tu! U’che impusture!!!

Note

  1. [p. 40 modifica]Nel luglio del 70 il Concilio ecumenico convocato a Roma da Pio IX proclamò il dogma dell'infallibilità del pontefice. Vi parteciparono 683 vescovi: quello di Potenza, monsignor Fania, cappuccino, votò contro, confermando le tradizioni liberali dal clero potentino.