Primo vere/Libro secondo/A un vecchio satiro di marmo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Fantasia pagana

../Su 'l Nilo IncludiIntestazione 20 maggio 2016 75% Da definire

Libro secondo - Fantasia pagana Libro secondo - Su 'l Nilo

NEL MIO GIARDINO



Co’ l’irte chiome ricinte d’ellere
che il tondo ombreggiano salace viso,
co’ i grossi labbri immobili
in un paterno riso,

5da la tua nicchia guardi tra gli alberi
le grigie tortore mescer gli amori
e le verdi cetonie
dar baci e baci a’ fiori.

Quando te miro ne l’albe placide
10ne’ crocei vesperi da ’l mio balcone,
lunge volo con l’anima
in strana visïone;

e veggo i clivi di Grecia floridi
a ’l sol di Luglio riscintillanti,
15e tra file lunghissime
di pioppi susurranti

te che persegui la bella Oreade
da gli occhi ceruli, da l’aureo crine
via profluente a l’aura
20su le spalle divine.

Presi a l’acute spine d’un cespite
i veli s’alzano a la fuggente:
tu figgi il guardo cupido
ne le forme opulente,

25e alfin le stringi… Le liete rondini
a volo cantano: — Amore, Amore! —
e a’ pioppi bianchi l’aura
bisbiglia: — Amore, Amore! —