Prose (Foscolo)/I - Scritti vari dal 1796 al 1798/II. Risposta all'articolo contro il Quadro politico di Melchior Gioia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
II. Risposta all'articolo contro il Quadro politico di Melchior Gioia

../I. Piano di studi ../III. Saggio dei processi verbali compilati da Ugo Foscolo IncludiIntestazione 30 agosto 2020 75% Da definire

II. Risposta all'articolo contro il Quadro politico di Melchior Gioia
I - Scritti vari dal 1796 al 1798 - I. Piano di studi I - Scritti vari dal 1796 al 1798 - III. Saggio dei processi verbali compilati da Ugo Foscolo

[p. 7 modifica]

II

Risposta all’articolo contro il «Quadro Politico» di Melchior Gioia, nel numero lxxix, semestre iv, del «Giornale repubblicano di Modena»

[1798]

[Dal Giornale senza titolo, n.° 101, sabato, fruttidoro, 1798, pp. 307-8.]

Cittadini! — I tiranni tremano all’aspetto della veritá: i popoli liberi l’amano da qualunque labbro ella si parta, e la devono amare, perché dove non v’ha veritá ivi allignano adulazione, menzogna, vizio, tirannide e schiavitú.

Se il Quadro politico del cittadino Gioia, che gli scellerati calunniano perché temono di esser scoperti, che i vili paventano perché tremano nell’idea del potente irritato, e che i satelliti di questi e di quelli vanno ognor censurando, vendendo la lor penna al piú offerente, non avesse scoperti che i mali della repubblica senza additarne i rimedi, sarebbe ancora piú utile di tanti scritti, che addormentano il popolo per fargli sentire piú terribile e non prevista la sua caduta. In questi casi la tranquillitá sarebbe morte. Conosciuti i mali, s’adattano agevolmente i rimedi. Quanti uomini e quanti Stati periscono perché non si sa la cagione della loro infermitá!

Sacro è quel uomo coraggioso, che ardisce mandar dalla sua solitudine una voce di veritá ai rappresentanti d’una nazione oppressa dalle antiche tirannidi, consunta da’ suoi vizi, avvilita dalla superstizione e denudata dalla necessaria ferocitá della guerra. Perché dunque, mentre quest’uomo consacra la sua vita alla patria, incorrendo nell’odio de’ suoi nemici, che pur son [p. 8 modifica] tanti e che la struggono quanto le son piú vicini; perché dovrá essere esecrato, senza provar s’egli ha promulgato veritá o menzogna?

Che se il Quadro politico ha, come si dice nell’articolo comunicato nel Giornale di Modena, un ammasso di ciarle e di calunnie, perché non si provano queste accuse con le ragioni, ma con la satira? Certo che il cittadino Gioia ha provate le sue asserzioni, e nel suo opuscolo, e molto piú nell’apologiaá fatta alla diatriba di un rappresentante, che, scellerato com’è e certo d’aver perduta la fama, vorrebbe che tutti gli altri fossero e scellerati ed infami.

Né giova accusare il Quadro politico come soggetto alla legge contro gli allarmisti. Gioia non minaccia la caduta della repubblica, ma ne scopre i mali e rinfaccia i governanti, che, o deboli o interessati o ignoranti, non sanno reggere il carro della somma delle cose. Sará punito quel figlio che avvisa il padre d’una imminente malattia?

Che se il libro di Gioia sparge la diffidenza nel popolo, è libro utile, perché guai a quella repubblica in cui il popolo dorme, e crede troppo alle autoritá costituite e non le sorveglia. Le autoritá costituite stanno allora in guardia di non errare, perché la diffidenza del popolo è come la sentinella della libertá. Sanutonelle sue Cronache venete adduce per maggiore ragione della usurpazione degl’ottimati l’aversi il popolo affidato ciecamente ai governanti. Questa fu pur la ragione della schiavitú di Roma.

Dirò finalmente che la morale di Gioia non contrastata con fatti ma con libelli, che i suoi talenti mostrati quando egli fra settantadue concorrenti ebbe il premio per la dissertazione Quale sia il governo piú conveniente all’Italia libera, che la sua fermezza nello scrivere il Monitore italiano unitamente al cittadino Breganze, meritano piú di stima all’autore del Quadro politico e tutto il disprezzo all’anonimo suo detrattore.