Questa, che ier'io colsi appresso il fonte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Girolamo Tartarotti

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Questa, che ier’io colsi appresso il fonte Intestazione 18 maggio 2019 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Girolamo Tartarotti


[p. 400 modifica]

II1


Questa, che ier’io colsi appresso il fonte
     Ghirlanda umìl di rose e di viole,
     Pria che alcun si destasse, e pria che il Sole
     Illustrasse la cima alta del monte:
5Donna gentil, le di cui rare e conte
     Opre la patria nostra onora e cole,
     A te ne mando, onde alla nuova prole
     Tu ne cinga per me la nobil fronte.
Che quando poi dell’onorata spada
     10Il vedrò cinto, e ’n mezzo al Trace e al Moro
     Alle vittorie ei s’aprirà la strada,
Io vuo’ tessergli allora altro lavoro,
     E vuo’, che d’altra man cinto sen vada
     D’un trionfal vittorioso alloro.


Note

  1. Nella nascita d’un figlio del Col. Moyerle.