Questa dell'Universo Arbitra e Diva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Maria Ercolani

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Questa dell'Universo Arbitra e Diva Intestazione 11 gennaio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giuseppe Ercolani


[p. 149 modifica]

IV1


Questa dell’Universo Arbitra e Diva
     Che sovra ogn’altra al gran Fattor diletta,
     E pria del Mondo a prò del Mondo eletta,
     Da solitaria ascende orrida riva:
5Questa è la Bella, che di Dio la viva
     Progenie eterna ha in umanvel ristretta,
     E a lei congiunta alteramente estratta
     Tant’oltre và, che all’infinito arriva.
Ben vorria l’alma desiosa, e intensa
     10Girsen con ella ove il gran volo estende,
     Ma di poggiar sì alto indarno pensa.

[p. 150 modifica]

Che nè pur’essa se medesma intende;
     Nè quanta chiude alta virtude immensa,
     E le sue mete il solo Dio comprende.


Note

  1. Tanta fuit dignitas Virginis ut soli Deo cognoscenda reservetur.-S. Bernardinus.