Renovatione della Chiesa/Ammaestramenti/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ammaestramenti, avvisi e ricordi
XIX. Dell'opere

../18 ../20 IncludiIntestazione 01 ottobre 2009 75% Cristianesimo

Ammaestramenti - 18 Ammaestramenti - 20

1. Nell’opere esterne siate rassegnata nella volontà della superiora senza far conto del vostro corpo, e non stimate la fatica.

2. Operate tutte le cose esterne quasi aliene e per transito, senza alcuno affetto e come che a voi non appartenghino, ma habbiate solo un grand’ affetto di dar gloria a Dio.

3. Quando havete fatto alcuna opera esteriore bene e in gran parte a soddisfazione, non vi curate poi di farla in altra occasione ottimamente, perché molte volte chi non è fondata in humiltà, perde la purità e la semplicità d’intenzione. E così vi conserverete maggiormente in humiltà.

4. Suor N., quando voi scendete una scala, non la scendete a man vote: vo dire che per minima che sia l’azione che voi fate, etiam d’andar quattro passi, voi la facciate con considerazione e con intenzione tale e in modo tale che, finita quella tal cosa, non v’habbiate a trovar con le man vote per non v’havere acquistato nulla.

5. Non v’inquietate quando pure in qualche opera esteriore non potete pensar di Dio, ma fate un atto di volerla fare per honor suo, e Dio accetterà quell’opera fatta per suo honore come l’istesso pensar di lui; operate bene il tutto con sentor d’humiltà, pensando che quelli occhi puri di Dio son vicini al vostro cuore.

6. Usate più presto (con una pura e retta intenzione nell’operare) d’offerir le vostre opere in unione di quelle che fece Jesu in questo mondo, che haver molte considerazione, perché può essere che una creatura habbia contemplazione celeste, e poi non habbia quella pura e retta intenzione d’operar puramente per amor di Dio et in unione di quel che fece Jesu; qui ci può esser difetto. Un’ altra, molte volte harà pensieri inutili, ma opera con stiettezza e sincerità e per amor di Dio unendole a quelle di Jesu, e qui non ci può esser difetto.

7. Guardatevi da operare a caso, perché Dio non si pasce d’opere fatte a caso.

8. Chi nella Religione opera negligentemente, è di peso alla stessa Religione perché ha bisogno esser portata da lei.

9. Ingegnatevi d’operare come se fussi l’ultim’ora della vita vostra. Rallegratevi che il vostro Sposo è giusto retributore e gran premio vi darà di tutto quello che per lui opererete e patirete ben che minima sia tal cosa.