Renovatione della Chiesa/Ammaestramenti/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ammaestramenti, avvisi e ricordi
XXX. Dell'humiltà

../29 ../31 IncludiIntestazione 01 ottobre 2009 75% Cristianesimo

Ammaestramenti - 29 Ammaestramenti - 31

1. Fondatevi nell’humiltà e nel dispregio di voi stessa.

2. Un vostro continuo esercizio sia l’annichilazione di voi stessa; atto d’annichilazione è conoscersi a quel modo e compiacersi d’esser tenuta vile.

3. Habbiate sempre un’ interna cognizione de vostri difetti e del poco frutto che fate del bene che Dio v’ha concesso, pensando sempre che un’ altra ne sarebbe più grata .

4. Habbiate continuamente la cognizione di voi medesima, siate sempre la più humile, la più reverente e la più abbietta e dispregiata .

5. Tanta harebbe a essere in voi l’humiltà, che sempre stessi desiderando di ricever qualche confusione dalle creature.

6. Cercate e fate di mantenervi sempre in quella medesima humiltà e reverenza con che conversa la novizia ne primi dì.

7. Non vi curate di far opere grande in apparenza, perché in quelle spesso è ascosta qualche superbia pericolosa per l’anima.

8. È più utile e sicuro far opere che apparischin minime e che veramente sien grande per la pura intenzione, perché di queste si compiace sommamente Dio e sono ascose all’avversario; operate ben sempre con fervore e cercate sempre la maggior perfezione.

9. Non vi lasciate superare da prudenti del mondo, che tengono i lor tesori ascosi; proccurate d’haver nell’intimo del cuore molt’opere buone, note solo a Dio, che di queste si fa grande stima in cielo.

10. È molto necessario all’anima tener secreti quei lumi e buon desideri che Dio gli comunica, perché scoprendoli è facil cosa che gli sien tolti.

11. Senza mezzo d’humiliarsi alle creature ho per dificile il condursi al Crocifisso; però, sorella, non dite: a me basta il Crocifisso, non mi curo d’altri che del Crocifisso.

12. Jesu si compiace tanto nell’anima che è humile e si sottomette per humiltà sino a sua inferiori, che se bene non havessi in sé altra virtù, questa sola gli basterebbe per acquistare la vita eterna.