Rime (Andreini)/Sonetto CIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto CIII

../Sonetto CII ../Sonetto CIV IncludiIntestazione 2 marzo 2015 75% Sonetti

Sonetto CII Sonetto CIV

[p. 114 modifica]

SONETTO CIII.


VAgo di preda un Pescator sedèa
Sovra uno scoglio; e ’l cibo insidioso
     Turbando a’ pesci il dolce lor riposo
     Da la tremula sua canna pendèa.
Quand’ecco Amor, che di desìr ardèa
     Di novi scherzi, sotto l’onde ascoso
     Prendendo l’hamo, il pescator gioioso
     Di piacer falso il lusinghier rendèa.
Lo scorse intanto la gran Dea del Mare,
     E disse. ah parti Amor, che s’anco un poco
     Soggiorni, arder vedrassi il Regno mio.
Ed egli. non temer; perche quand’io
     Quì venni, entro le luci honeste, e chiare
     Di Marfisa lasciai tutto ’l mio foco.