Rime (Andreini)/Sonetto LVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LVI

../Sonetto LV ../Madrigale XXIV IncludiIntestazione 2 marzo 2015 75% Sonetti

Sonetto LV Madrigale XXIV

[p. 59 modifica]

SONETTO LVI.


TIrsi à Filli dicea, Filli ben mio
Vedrassi prima senza raggi il Sole,
     Privo Maggio di rose, e di viole,
     Ch’io ti ponga vivendo unquà, in oblìo.

[p. 60 modifica]

Ed ella, ahi falso hor vivo ti vegg’io;
     Nè m’ami (ohime) nè del mio duol ti duole.
     Son questi i giuramenti, e le parole
     Onde ingrato allettasti il mio desio?
Più del Sol non risplenda il chiaro lume,
     Maggio di vaghi fior più non s’adorni,
     Che vivo è Tirsi, e Fillide non cura.
Sì rimembrando gli amorosi scorni
     L’afflitta Ninfa di morir procura
     Distillando per gli occhi un caldo Fiume.