Rime (Angiolieri)/CVI - Senno non val a cui fortuna è cònta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CVI - Senno non val a cui fortuna è cònta

../CV - Egli è sì poco di fede e d’amore ../CVII - Stando lo baldovino dentro un prato IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
CVI - Senno non val a cui fortuna è cònta
CV - Egli è sì poco di fede e d’amore CVII - Stando lo baldovino dentro un prato

 
     Senno non val a cui fortuna è cònta, 
né giova senno ad omo infortunato; 
né gran savere ad omo non sormonta,
s’a fortuna non piace e non è a grato. 
     5Fortuna è quella che discende e monta, 
ed a cui dona ed a cui tolle stato; 
fortuna onora e fa vergogna ed onta, 
fa parer saggio un folle avventurato. 
     E spesse volte ho veduto venire 
10che usare senno è tenuto en follia, 
ed aver pregio per non senno usare. 
     Ciò ch’a fortuna è dato a provvedere, 
non pò fallir, e mistier è che sia: 
saggio il tegno chi sa temporeggiare.