Rime (Angiolieri)/XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore

../XLVIII - Da Giuda in fuor, neuno sciagurato ../L - Lassa la vita mia dolente molto IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore
XLVIII - Da Giuda in fuor, neuno sciagurato L - Lassa la vita mia dolente molto

 
     Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore, 
la notte come serpe mi travollo 
e sì mi giro, che paio un bigollo, 
tanta è la pena che sente ’l meo core. 
     5Parmi la notte ben cento mili’ore, 
dicendo: – Dio, sarà ma’ dì, vedrollo?
e tanto piango, che tutto m’immollo, 
ch’alcuna cosa m’alleggia ’l dolore. 
     Ed i’ ne son da lei cosi cangiato, 
10che ’n una ched e’ giungo ’n sua contrada 
sì mi fa dir ch’i’ vi son troppo stato 
     e ched i’ voli, sì tosto men vada, 
però ch’ell’ha ’l su’ amor a tal donato, 
che per un mille più di me li aggrada.