Rime (Angiolieri)/XLVIII - Da Giuda in fuor, neuno sciagurato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVIII - Da Giuda in fuor, neuno sciagurato

../XLVII - – Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito? ../XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
XLVIII - Da Giuda in fuor, neuno sciagurato
XLVII - – Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito? XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore

 
     Da Giuda in fuor, neuno sciagurato 
fu né sarà di chi a cento mili’anni, 
ch’a mille miglia m’appressisi a’ panni; 
e sol m’avvien per ch’i’ so ’nnamorato 
     5di tal c’ha tutto ’l cuor avviluppato 
di tradimento, di frode e d’inganni: 
ed e’ non fu sì leal san Giovanni 
a Geso Cristo, com’i’ le son stato! 
     Ma la falsa natura femminile 
10sempre fu e sarà sanza ragione, 
per ciò cad Eva diè lor quello stile. 
     Ond’i’ son fermo ’n questa oppinione, 
di sempre starle gecchit’ed umìle, 
poi ch’ell’ha scusa di sì gran cagione.