Rime (Dante)/II - Vedeste, al mio parere, onne valore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
II - Vedeste, al mio parere, onne valore

../I - A ciascun'alma presa e gentil core ../III - Naturalmente chere ogni amadore IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
II - Vedeste, al mio parere, onne valore
I - A ciascun'alma presa e gentil core III - Naturalmente chere ogni amadore
Rime della Vita Nuova
GUIDO CAVALCANTI A DANTE, IN RISPOSTA AL SONETTO I

 
Vedeste, al mio parere, onne valore
e tutto gioco e quanto bene om sente,
se foste in prova del segnor valente
4che segnoreggia il mondo de l’onore,

poi vive in parte dove noia more
e ten ragion nel casser de la mente:
sì va soave per sonni a la gente,
8che i cor ne porta sanza far dolore.

Di voi lo core ne portò, veggendo
che vostra donna la morte chedea;
11nodrilla de lo cor, di ciò temendo.

Quando v’appare che ne gia dogliendo,
fu dolce sonno ch’allor si compiea,
14ché ’l su’ contraro lo venia vincendo.