Rime (Dante)/LIV - Se vedi Amore, assai ti priego, Dante

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LIV - Se vedi Amore, assai ti priego, Dante

../LIII - S'io fosse quelli che d'amor fu degno ../LV - Dante, un sospiro messaggier del core IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
LIV - Se vedi Amore, assai ti priego, Dante
LIII - S'io fosse quelli che d'amor fu degno LV - Dante, un sospiro messaggier del core
Altre rime del tempo della Vita Nuova
GUIDO CAVALCANTI A DANTE

 
Se vedi Amore, assai ti priego, Dante,
in parte là ’ve Lapo sia presente,
che non ti gravi di por sì la mente,
4che mi riscrivi s’e’ lo chiama amante,

e se la donna li sembla avenante
che si le mostr’ avvinto fortemente;
ché molte fiate così fatta gente
8suol per gravezza d’amor far sembiante.

Tu sai che ne la corte là ’ve regna
non vi può servir omo che sia vile
11a donna che là entro sia renduta.

Se la soffrenza lo servente aiuta,
può di leggier cognoscer nostro sire,
14lo quale porta di merzede insegna.