Rime (Dante)/LXXXIX - Chi guarderà già mai sanza paura

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXXIX - Chi guarderà già mai sanza paura

../LXXXVIII - Perché ti vedi giovinetta e bella ../XC - Amor, che movi tua vertù dal cielo IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
LXXXIX - Chi guarderà già mai sanza paura
LXXXVIII - Perché ti vedi giovinetta e bella XC - Amor, che movi tua vertù dal cielo
Altre rime d’amore e di corrispondenza

 
Chi guarderà già mai sanza paura
ne li occhi d’esta bella pargoletta,
che m’hanno concio sì, che non s’aspetta
4per me se non la morte, che m’è dura?

Vedete quanto è forte mia ventura,
che fu tra l’altre la mia vita eletta
per dare essemplo altrui, ch’uom non si metta
8in rischio di mirar la sua figura.

Destinata mi fu questa finita
da ch’un uom convenia esser disfatto,
11perch’altri fosse di pericol tratto;

e però, lasso!, fu’ io così ratto
in trarre a me ’l contrario de la vita,
14come vertù di stella margherita.