Rime (Guittone d'Arezzo)/Carissimi, piò fiate e or appare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Carissimi, piò fiate e or appare

../O tu, giustizia, d'onestà sprendore ../Tanto de vertù, frati, e dignitate IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Carissimi, piò fiate e or appare
O tu, giustizia, d'onestà sprendore Tanto de vertù, frati, e dignitate


[p. 247 modifica]

199

Ai suoi confratelli perchè schivino i vizi.


     Carissimi, piò fiate e or appare
ch’è vizio, ch’è vertù in part’alcona,
per che se stesso po matto trovare
4chi vertù scifa e bon vizio ragiona.
     Dio mercé, non dea bon core amare
per se stessa vertù in quanto bona,
e simel vizio in lui medesmo odiare?
8Quanto via piò per quel che ciascun dona?
     O miracol doglioso e dispiagente:
vizio obedir a danno, ad onta, a morte;
11vertù fugir a vita, a prode e priso;
     e dea inferno cheder maggiormente,
e Satanas seguir con pena forte,
14che con gioi Dio, bon padre, a paradiso!