Rime (Guittone d'Arezzo)/O tu, giustizia, d'onestà sprendore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O tu, giustizia, d'onestà sprendore

../D'animo tu bona vertù, fortezza ../Carissimi, piò fiate e or appare IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
O tu, giustizia, d'onestà sprendore
D'animo tu bona vertù, fortezza Carissimi, piò fiate e or appare


[p. 246 modifica]

198

La giustizia.


     O tu, giustizia, d’onestá sprendore,
non parte de vertù, ma vertù tutta,
in te vertù e bon tutto tuttore,
4nel tuo contraro onni malizia addutta.
     Non bon ne’ rei for te viver po fiore:
poder, corp’e spirito in tuo ben frutta;
raina de vertù tu, non timore
8di cos’hai, né de Dio, bene condutta;
     ch’a Dio, ad omo e a catuna cosa
rendi che dei in tempo e in ragione,
11ché dirittura ètte sol amorosa.
     De’ debili tu retta e tu campione,
in cui fortezza onni lor pace posa,
14tu freno a forti e tu sor lor bastone.