Rime (Guittone d'Arezzo)/Castitate, tu luce e tu bellore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Castitate, tu luce e tu bellore

../Larghezza, tu vertù, dand'e tenendo ../Amistade d'envidia è medicina IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Castitate, tu luce e tu bellore
Larghezza, tu vertù, dand'e tenendo Amistade d'envidia è medicina


[p. 242 modifica]

190

La castitá.


     Castitate, tu luce e tu bellore
e candore preclaro in onestate,
smiraldo ’n gemme, ros’è in onni fiore,
4und’odore, valor, gran degnitate.
     Figlia spezial di Dio, d’angel sorore,
tu angelica fai umanitate,
celestial vivi in terra; a Re maggiore
8tuoi care belle figli’hai sposate.
     Reine sono: empiesi ’l cel de loro,
sí come ’n terra de terrene spose;
11e celestial spirto è ’n lor dolcezza,
     a cui carnal val men che fango a oro.
Tuoi gioi’ sigure, orrate, graziose,
14e d’onni parte magna han allegrezza.